sabato 22 marzo 2014

DELLA DIFFERENZA TRA FURBIZIA E INTELLIGENZA

(Difficoltà: 4.6/5) 

Hegel
Hegel
Il pensiero comune tende a confondere furbizia e intelligenza. Ma furbizia e intelligenza sono così diverse fra loro da essere nei fatti l'opposto. Infatti, non sempre la semplice assenza di una qualità dello spirito definisce il suo contrario così bene come lo fa il suo uso perverso, che ne nega il concetto e la finalità naturale. Così, la furbizia è il contrario dell'intelligenza più di quanto non lo sia la stupidità. E in effetti la furbizia, come razionalità fine a se stessa, è una forma particolare di stupidità. 

"Furbizia" vs. "Intelligenza"

E' l'ora di discernere i termini e di usare un linguaggio preciso. La furbizia è un uso del raziocinio sempre rivolto a uno scopo, ma mai capace di guardare al di là di quel singolo scopo, alle conseguenze ulteriori e di più larga scala. La furbizia è l'utilizzo puramente strumentale del raziocinio, la riflessione sui mezzi e le azioni che portano a un obiettivo particolare. L'invenzione della ruota per facilitare i trasporti non è furbizia bensì intelligenza, mentre lo sfruttamento dei tic behaviouristici del prossimo è furbizia. Il furbo non è parimenti intelligente, perché manca della visione d'insieme. Il furbo sta al giocatore di poker come la persona intelligente sta allo scacchista: il concetto di “furbizia” contiene in sé, in un modo o nell'altro, il prendersi gioco del prossimo, il raggirarlo.
L'idea di intelligenza in cui è più facile riconoscersi è quella teorizzata da Hegel nei “Lineamenti”: in sostanza, vi si dice che l'intelligenza è responsabilità, e che un essere razionale è sempre responsabile delle sue azioni, indipendentemente dal numero di passaggi che separano il suo atto dall'effetto, e ciò perchè la ragione di cui è dotato gli permette sempre di percepire il carattere universale della “connessione” fra l'agire e le sue conseguenze, dove soggettività e oggettività dell'agire non sono separabili nemmeno in merito alla causalità che riflette l'azione particolare nel mondo:
[...] La verità del singolo è l'universale, e la determinatezza dell'azione è per sé non un contenuto isolato a una singolarità esteriore, bensì un contenuto universale includente entro di sé la connessione molteplice.” (Hegel, Lineamenti di Filosofia del Diritto, Laterza, Bari 1996, p. 104). Solo per i fanciulli e per i folli si può evocare la “non-imputabilità” (ivi, p. 105).
Chi agisce per individualismo egoista si può dire “furbo”, ma il suo atto è tanto poco previdente quanto si lega al momento presente, al desiderio animale, al vantaggio individuale da conseguire hic et nunc. Questa assenza di prospettiva, confacente a un uso pervertito delle capacità razioncinanti, crea problemi alla controparte, ma anche alla comunità e quindi in definitiva, di ritorno, a se stessi. Il furbo agisce contro se stesso nella credenza di perseguire il proprio bene: qui risiede la sua stoltezza, una “follia” di cui è però sempre chiamato a rispondere. Così, la furbizia non è, come vuole il comune dire, "un saper stare al mondo"; è infatti esattamente il contrario: il non aver capito il proprio ruolo nel mondo, nella società in cui si è situati. Persino l'istinto di adattamento animale all'ambiente si colloca su un piano eticamente superiore a quello della furbizia, perché in esso è in gioco la sopravvivenza in quanto tale, e non la sopravvivenza "aumentata" di chi cerca per sè un vantaggio ulteriore che spezza l'equilibrio sociale sottraendo al prossimo con il raggiro ciò che gli spetterebbe per diritto naturale. La furbizia è l'intelletto che si asservisce all'istinto di sopraffazione, e che per questo perde ogni tratto propriamente umano. 
La vera intelligenza è quella di chi agisce per il bene della comunità di cui è parte. In questo senso, l'intelligenza è un valore etico.

3 commenti:

  1. è esattamente quello che penso io...la furbizia poi non vede mai oltre un palmo dal naso mentre l'intelligenza è una comprensione universalistica....

    RispondiElimina